"Il vero rivoluzionario contemporaneo, quello che può seriamente far tremare l'establishement politico-economico, è oggi un consapevole, cocciuto, equilibrato individualista, che parte da sé, dal suo mondo, ci lavora sopra, fa di tutto per essere libero e consapevole come essere umano singolare. (Un individualista della volontà, sia chiaro, restando nel cuore un uomo sociale e in relazione). Non necessariamente compra ciò che gli si dice. Non necessariamente fa quel che dovrebbe. Usa gli strumenti come strumenti, non come fini. Costruisce una sua realtà, adatta a sé, efficiente, concreta.

Così facendo, il singolo diventa eversivo. Egli interrompe in qualche punto vitale la sinapsi del consumismo e dell'assenza di senso. Il suo comportamento è individuale, cioè mosso dalla responsabilità e dalla dignità del singolo essere, dall'orgoglio di non vedersi soggiacere alla massificazione, eppure ha effetti enormi sul sistema, il suo esempio è emblematico e vale più di mille teorie sociali o programmi politici. Con conseguenze imprevedibili.

Dieci, cento, mille uomini così e il potere è spacciato.   

da: Simone Perotti. ADESSO BASTA - Lasciare il lavoro e cambiare vita 
Filosofia e strategia di chi ce l'ha fatta.
Chiarelettere Editore. Milano, 2010.

http://www.simoneperotti.com/wp/?page_id=408

 

 

Ultimo aggiornamento ( Domenica 27 Novembre 2011 09:39 )